Programma

Proposte per rinnovare: l’Ordine sia casa del vero giornalista

Un luogo dove ascoltare davvero

Ascoltare  i colleghi, sostenerli nelle difficoltà, offrire un consiglio e una soluzione nel garbuglio di situazioni spiacevoli – economiche e amministrative –  in cui rischiano di trovarsi sempre più frequentemente: ecco l’Ordine dei Giornalisti per il quale voglio battermi. Il  mondo dell’informazione continua a trasformarsi ma non le condizioni di lavoro di chi fa informazione: ritmi produttivi delle notizie sempre più intensi, pagamenti non congrui e non certi, senza contare i ripetuti tentativi di tenere lontane le nuove leve proprio dall’iscrizione all’Ordine, come se la conoscenza dei diritti e dei doveri della categoria potesse sovvertire il quieto vivere editoriale.

L’Ordine deve difendere la professione

L’Ordine, il tesserino, diventare giornalista professionista, a che ti serve? Se lo sentono dire parecchi “cosiddetti” giovani (cosiddetti perché non hanno più 20 anni ma 40) che fanno questo mestiere ma aspettano ancora di entrare dalla porta principale. Nella mia passata esperienza di segretario consigliere, delegata ai praticantati d’ufficio,  ho avuto modo di conoscere decine di colleghe e colleghi testimoni delle situazioni contrattuali più assurde, che hanno avuto il coraggio di uscire dall’isolamento e hanno sentito finalmente di appartenere a una categoria professionale, non più indistinti manovali delle notizie da 2 euro l’una sul web. 

L’Ordine disegni il nuovo giornalista

A che ci serve la formazione professionale? Anche questo si sente dire spesso, da giovani e non più giovani colleghi. Talvolta a ragione, a fronte di proposte poco interessanti e utili. Più spesso a torto, perché la formazione professionale continua – se bene organizzata – apre nuovi orizzonti, aiuta a stare al passo con l’evoluzione dei giornalismi, stimola al confronto. Alla lunga aiuta a distinguere fra il buono e cattivo giornalista. Con l’auspicio che questi ultimi, grazie a un Ordine forte e autorevole, che io mi impegno a costruire, siano condannati all’estinzione.